Le parole che non ti ho detto

Holaa 😀 (oggi ti saluto in spagnolo!! ahahha). L’argomento di cui tratterò in quest’articolo, riguarda un film molto molto bello che ho visto quest’estate che si chiama, come avrai capito dal titolo, “Le parole che non ti ho detto”. E’ un film girato nell’anno 1999 ed il genere è drammatico e sentimentale, in quanto è stato tratto da un romanzo di Nicholas Sparks. Per quanto riguarda la trama, essa parla di una donna di nome Theresa che lavora come giornalista al Chicago Tribune e che possiede un figlio di nome Jason al quale si dedica completamente quando non è con il papà che, oramai, ha un’altra donna. Un giorno, Theresa si reca al mare a correre e trova sulla spiaggia una bottiglia con una lettera, probabilmente giunta lì dalle onde del mare, destinata ad una donna di nome Catherine. Così, incuriosita da ciò, decide di risalire al mittente, facendo di essa un articolo, che pubblica con l’approvazione del suo direttore. Tutto ciò, però, non le basta poichè lei vuole arrivare in fondo alla questione. Inizia così a fare delle ricerche, finchè non arriva a scoprire l’indirizzo al quale recarsi ed il nome dell’uomo che l’ha scritta che si chiama Garret Blake. Decisa, ancor più di prima, si reca sul posto situato nella Carolina del Nord e giunge presso la casa dell’uomo che si trova proprio vicino ad una spiaggia, siccome lui è un costruttore di barche. I due iniziano a conoscersi e nonostante egli sia una persona molto taciturna, tra di loro si viene a creare un certo feeling, rafforzato ancor più dalle gite in barca che li porta ad esplorare nuovi orizzonti. Theresa però non trova il coraggio di dire a Garret della lettera che ha trovato per caso, così gli nasconde la verità poichè ha paura di rovinare il loro rapporto. Dopo un pò di tempo di frequentazione, Theresa scopre che Garret ha un brutto passato alle spalle, in quanto, sua moglie Catherine è morta e lui si sente profondamente in colpa per non essere riuscito ad impedirlo. I due, infatti, non riescono mai a costruire un rapporto solido a causa del ricordo costante della moglie che continua a vivere nel suo presente. Perse così le speranze, Theresa ritorna a casa e invita Garret ad andare a trovarla. I due si ritrovano nuovamente ma in quel frangente l’uomo scopre nel comodino di lei la lettera che gli ha tenuto nascosta. Profondamente arrabbiato, va via da Theresa e non vuole parlarle ed è in quest’arco di tempo che lui costruisce una barca che aveva progettato con sua moglie, deciso a metterla presto in mare. Il resto poi non sto qui a svelartelo, non ti resta che goderti questo bellissimo film. 😉 A me personalmente è piaciuto molto, anche se sul finale non ho potuto fare a meno di piangere siccome tutti i film tratti dai romanzi di Nicholas Sparks possiedono quel tocco di delicatezza e sensibilità che li caratterizza. L’ho apprezzato anche per la sua ambientazione stupenda e per la bravura degli attori. Inoltre, mi ha completamente coinvolta durante tutta la storia risultando per niente noiosa, sempre ricca di colpi di scena e molto dinamica.

-Mary

le-parole-che-non-ti-ho-detto

Precedente Must have autunno 2016 Successivo Date importanti...